Ringraziamento a Mario Castelbolognesi

Ringraziamento a Mario Castelbolognesi. "Il Popolo Sammarinese" 14 dicembre 1930.
Ringraziamento a Mario Castelbolognesi. “Il Popolo Sammarinese” 14 dicembre 1930.

Il 14 dicembre 1930, il signor Ottavio Fattori si sentì in dovere di acquistare uno spazio sul “Popolo Sammarinese” per ringraziare il dottor Mario Castelbolognesi che, come ci spiega con dovizia di particolari, nel mese di ottobre lo aveva operato a entrambi gli occhi restituendogli “il dono prezioso della vista che credeva per sempre perduta”.

Questa manifestazione di stima pubblica aiuta a ricostruire lo sguardo con cui non solo il signor Ottavio Fattori, ma in generale coloro che lo conoscevano, guardava il dottor Castelbolognesi. Un “bravo e onesto professionista”1, questo vedevano in lui.

L’ammirazione nei suoi confronti era nata passo dopo passo da quando nel 1907, dopo esperienze lavorative a Milano e a Modena dove era nato e si era laureato in Medicina, Mario Castelbolognesi si era trasferito a Rimini.

Qui aveva aperto il suo ambulatorio, si era fatto conoscere e amare dai riminesi.

nserzione pubblicitaria, "Ausa", 16 marzo 1907 (particolare).
Inserzione pubblicitaria, “Ausa”, 16 marzo 1907 (particolare).

Il fatto che, oltre ad essere un bravo oculista, fosse anche ebreo contava poco.

Lo sguardo nei suoi confronti cambiò nel 1938 quando, agli occhi dei suoi concittadini, il suo essere di “razza ebraica” assunse il peso di una colpa.

FP

1Cfr. la lettera che Felice Pullè scrisse al prefetto di Forlì il 19/06/1939 a sostegno della domanda di discriminazione di Mario Castebolognesi. Archivio di Stato di Forlì-Cesena.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: